Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK
consolato_curitiba

Variazioni di Stato Civile - SEPARAZIONE / DIVORZIO / ADOZIONE

 

Variazioni di Stato Civile - SEPARAZIONE / DIVORZIO / ADOZIONE

RICONOSCIMENTO SENTENZE DI SEPARAZIONE / DIVORZIO / ADOZIONE

In primo luogo si precisa che una sentenza di separazione/divorzio/adozione pronunciata all’estero non è considerata automaticamente valida in Italia. Si sottolinea che le Annotazioni di sentenze sui rispettivi atti di matrimonio/nascita non sono valide ai fini del riconoscimento in Italia.

SEPARAZIONE/DIVORZIO IN TRIBUNALE - SENTENZE BRASILIANE DI ADOZIONE

Ai fini del riconoscimento in Italia delle sentenze di adozione di minori stranieri, il genitore di cittadinanza italiana deve essere iscritto all'AIRE da almeno due anni.

Se alla sentenza di separazione è seguita una successiva sentenza di divorzio, bisogna presentare solamente la sentenza di conversione della separazione in divorzio, perfezionata come da istruzioni sotto indicate.

I documenti che occorrono per la trascrizione di una sentenza di separazione/divorzio in Tribunale/ adozione sono:

Copia del processo, di cui dovranno essere presentate le parti principali (le fotocopie devono contenere, in ogni pagina, la dicitura “cópia extraída do Tribunal de Justiça de ....” o il timbro apposto dallo stesso Tribunale che attesti che sono copie autentiche), quali:

Istanza dei richiedenti (Petição Inicial)

Svolgimento del Processo (Ata de Instrução e Julgamento)

Sentenza (Sentença)

Passaggio in giudicato (generalmente si tratta di un timbro apposto nelle ultime pagine della sentenza)

2. Certificato riassuntivo del processo "Objeto e Pé", con Apostille

3. La traduzione in lingua italiana della documentazione di cui al punto 1 e 2, a cura di un traduttore giurato.

4. Dichiarazione sostitutiva di Atto di Notorietà per Sentenza di Separazione – sottoscritta dal cittadino italiano.

5. Dichiarazione sostitutiva di Atto Notorio per Sentenza di Divorzio – sottoscritta dal cittadino italiano.

6. PER LE ADOZIONI: Dichiarazione sostitutiva dell´atto di notorietà – sottoscritta dal genitore italiano.

7. SOLO PER LE ADOZIONI: Atto integrale di nascita, con Apostille e tradotto in lingua italiana.

Attenzione: conformemente alle istruzioni di cui sopra, si prega di presentare solamente le parti principali del processo di separazione giudiziale/divorzio/adozione (come specificato nei punti 1 e 2) accompagnate dalla traduzione giurata.

 

SEPARAZIONE/DIVORZIO NOTARILE

Documenti necessari:

1. 2ª via originale dell’atto notarile (“Escritura de Divórcio Direto Consensual” o “Escritura de Separação Consensual”) con Apostille e tradotta in italiano;

2. Dichiarazione sostitutiva di separazione notarile – sottoscritta dal cittadino italiano

3. Dichiarazione sostitutiva di divorzio notarile – sottoscritta dal cittadino italiano.

________________________________***____________________________

SEPARAZIONE CONSENSUALE,
RICHIESTA CONGIUNTA DI SCIOGLIMENTO O DI CESSAZIONE DEGLI EFFETTI CIVILI DEL MATRIMONIO E MODIFICA DELLE CONDIZIONI DI SEPARAZIONE O DI DIVORZIO INNANZI ALL’UFFICIALE DELLO STATO CIVILE

Il Decreto-Legge 10 novembre 2014, n. 162, introduce importanti novità in tema di separazione personale, di cessazione degli effetti civili e di scioglimento del matrimonio. Esso prevede che i coniugi, a partire dall’11 dicembre 2014, possano concludere un accordo di separazione personale ovvero di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, nonché di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio innanzi al sindaco quale ufficiale dello stato civile, con l’assistenza facoltativa di un avvocato. Sul piano della competenza, il legislatore ha previsto la possibilità di ricorrere alternativamente al comune di residenza di uno degli interessati o a quello presso cui è iscritto o trascritto l’atto di matrimonio. Per quanto attiene al campo di applicazione, ne sono escluse le fattispecie nelle quali sono presenti figli minori, ovvero maggiorenni incapaci, portatori di handicap grave ai sensi dell’articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, economicamente non autosufficienti.


135